mercoledì 15 febbraio 2012

Ma che musica, bambini!

Alla Nanetta piace Bennato. Anzi, di più: con La fata di Bennato è arrivato il primo momento di riflessione sdraiata sul divano. Della serie: “Mamma, lasciami stare e non mi guardare!”. Capito? E’ successo due giorni fa quando ha chiesto di sentire uno dei suoi cd preferiti, un cofanetto di 6 cd con il meglio di Bennato. Mangiafuoco e La fata, domenica scorsa, sono andati a ruota per circa mezz’ora. Con la sua doudou tra le mani si è messa lì a parlottare da sola con l’unica esigenza di non essere interrotta per nessun motivo al mondo.
La Nanetta, d’altronde, presa per mano da babbo Gastone, ha iniziato ad affinare l’orecchio da piccina. Così siamo arrivati a tre anni con le seguenti preferenze musicali: Evviva Vivi (Ivan Graziani; e voglio ben dire, è il nome della sua mamma!), Sul cucuzzolo (Rita Pavone), L’orologio (Vinicius De Moraes), Samarcanda (Roberto Vecchioni), Ci vuole un fiore (Sergio Endrigo), Victoria (The Kinks). L’ispirazione al ballo, poi, gliel’hanno data da molto piccina Mory Kanté e il Danubio blu di Strauss. Musica africana o musica classica? Per lei non fa nessuna differenza, le ‘sente' entrambe.
Che i bimbi non debbano ascoltare solo canzoni dello Zecchino d’oro non è una scoperta mia. Tutt’altro. A parte le migliaia di mamme che ci hanno pensato prima di me, invito a leggere la Music Learning Theory di Edwin E. Gordon dalla quale è scaturito anche il cd molto carino “Ma che musica”, a cura di Andrea Apostoli, con illustrazioni di Alexandra Dufey, una raccolta di brani di musica classica e jazz da ascoltare e da guardare per bambini da 0 a 6 anni. Secondo Gordon, infatti, (cito l’introduzione del cd), “è fondamentale per il bambino poter ascoltare musica di qualità durante i primi anni della vita del bambino. E’ proprio grazie a questo ascolto precoce che egli potrà successivamente capire, dunque apprezzare, generi musicali generalmente inaccessibili a molti e crearsi un vero e proprio vocabolario musicale che gli potrà essere anche tanto utile per cantare o per suonare uno strumento”. Dunque, buona musica bambini!

Reazioni:

2 commenti:

D'accordo su tutto! La musica fa molto! ci sono un sacco di studi che lo dimostrano! Possiamo passare da canzoni, a ritornelli, a giochi di musica
, a tutto quello che é ritmato, cantato, suonato.
Musica per tutti! Gaia

http://www.youtube.com/watch?v=UyyfuUtQ-iM

Posta un commento