domenica 4 marzo 2012

Il disordine, la polvere, Brad Pitt e l'idraulico figo

Il disordine. I vetri sporchi. La polvere. Personalmente non sono ancora arrivata a quella fase ascetica grazie alla quale tutto questo mi lascia indifferente. Fino ad ora ho adottato il piano A: quello già descritto nel manuale di sopravvivenza alla voce Chissenefrega. Ma ha funzionato fino a un certo punto. Fino a quando, cioè, non è entrata in scena l’assuefazione che ha riportato il mio stomaco ad essere assai sensibile a disordine, vetri sporchi e polvere. Prima di capitolare di fronte alla reale constatazione che a meno di una governante o di terribili straordinari notturni i suddetti problemi mi avrebbero perseguitata senza scampo, ho scelto di studiare un piano B. L’ho chiamato ‘Sporco è bello’. Ho iniziato dunque a pensare a tutti quei casi in cui effettivamente sporco è bello.

a) Al mare: macho sudato e muscoloso dopo partita di beach volley, ripetutamente caduto per terra. Sporco e assai bello.
b) Idraulico figo: dopo un’ora nel vostro bagno in uno scontro diretto con i tubi rotti grondanti di tutto, ultimo appuntamento dopo una giornata di lavori carponi. Sporco e anche lui sempre bello.
c) Brad Pitt nel film Troia. Mai Achille fu più prestante. Lui e i cinquanta mirmidoni che si portò dietro per sferrare l’attacco a Troia non combatterono certo senza sporcarsi. Sporco e urca se bello.
d) Il culetto di mio figlio dopo una cacca dall’odore pestilenziale. Solo io riesco a trovarlo subito dopo sporco ma comunque bello.

Ciò detto, dopo essermi riempita il cervello delle suddette immagini, guardandomi intorno mi renderò conto che in fondo quei quattro granelli di polvere che per una sorta di politica bipartisan si dividono in maniera eguale fra tutti i mobili; quei vetri cosparsi millimetro per millimetro di microditate; quel disordine a cui riesce a sfuggire solo il soffitto non sono poi così male.

Reazioni:

2 commenti:

L'importante è tenere sempre la casa in penombra e non dar modo al sole di illuminare i "polverosi" mobili scuri!Io ieri pomeriggio appena sono rientrata in casa e ho visto il sole che illuminava il televisore NERO "coperto di polvere" ho avuto un raptus da casalinga impazzita.. poi ho chiuso le tende e ho risolto in un attimo! :-)
Ovvio che scherzo ma la polvere è una bestiaccia...
la togli con tutta l'energia possibile e dopo dieci minuti lei c'è di nuovo, come se non se fosse mai andata ma solo sollevata per "ri-atterrare" a fine pulizie negli stessi mobili..
la odio, per questo spesso la ignoro.. per farle un dispetto!

ah ah ah ... Silvietta sono d'accordo con te!

Posta un commento